Skip to navigation – Site map
Études de cas au niveau de base

Contributo geoarcheologico sul porto di Megara Hyblaea (Sicilia)

Étude géoarchéologique du port de Megara Hyblea (Sicile)
Paolo Tiralongo
p. 91-96

Abstracts

L’analisi geologica coniugata ai dati archeologici ha permesso uno studio più approfondito relativo alla conformazione della linea di costa nel sinus megarensis. Grazie a tale analisi, è stato possibile trovare una soluzione alla dibattuta questione dell’ubicazione del porto o dei porti di Megara Hyblaea. Alla base di questo studio è stato necessario analizzare alcuni dati tra cui quelli forniti dai sondaggi stratigrafici, dalle foto aeree e dalle variazioni del livello marino nel tempo. Attraverso l’analisi idrogeologica è stato possibile individuare sorgenti ormai scomparse, scartare l’ipotesi della presenza dell’antico porto nell’ansa dell’Arenella e ricostruire l’evoluzione di massima della linea di costa in corrispondenza della foce del fiume Cantera. Ripercorrendo le fonti storiche, topografiche e archeologiche, dai dati più antichi a quelli più recenti, con il supporto rigoroso dello studio geomorfologico si è riusciti a ricostruire un quadro convincente del sistema portuale di Megara Hyblaea, confermando con testimonianze archeologiche le ipotesi geologiche.

Top of page

Full text

1L’analisi e l’integrazione dei dati geologici ed archeologici, la disponibilità di nuovi sondaggi stratigrafici e studi recenti (Gras et al., 2004), (Tréziny, 2002), (Scicchitano et al., 2008), (Spampinato et al., 2010), hanno permesso di ricostruire lo sviluppo paleogeografico del “seno megarese” e, in particolare, la probabile configurazione della baia portuale di Megara Hyblaea.

2La ricostruzione dell’antica linea costiera consente una migliore lettura della foce del Cantera e delle insenature corrispondenti alla piccola valle intermedia ed alla foce del torrente S. Cusmano (fig. 1), insenature che avrebbero potuto, per la loro conformazione, svolgere una funzione di porto o comunque di riparo in dipendenza da particolari venti.

Fig. 1

Fig. 1

Carta geologica con ricostruzione della paleolinea di costa del sito di Megara Hyblaea

Tiralongo

3La dibattuta questione dell’ubicazione del porto o dei porti di Megara Hyblea approda ad una possibile soluzione attraverso questa analisi, e fornisce comunque indicazioni e spunti interessanti sulle caratteristiche morfologiche del territorio su cui i Greci impiantarono la città.

4Per definire le complesse oscillazioni del livello del mare negli ultimi millenni e quindi le variazioni della linea di costa è stato necessario avvalersi di studi sulla neotettonica locale, sulla analisi geomorfologica della costa (stratigrafia, azione dei venti e delle correnti marine) e quelli derivanti dalla comparazione dei dati delle variazioni glacio-idro-isostatiche ed eustatiche.

5Una componente fondamentale per valutare i movimenti relativi del mare è stabilire l’entità dei movimenti tettonici recenti ed attivi. I dati geologici di letteratura (Di Geronimo et al., 1978; Bianca, 1999; Monaco e Tortorici, 2000) suggeriscono che la deformazione più recente per questa zona sia rappresentata da un lento sollevamento, imputabile ad un sistema di faglie con orientazione NNW-SSE, ubicata nella scarpata ibleo maltese al largo della costa ionica.

6Testimonianza di questo sollevamento, nell’area in esame, sono i terrazzi marini, le spianate di abrasione e le paleolinee di costa pleistoceniche (Carbone et al., 1982; Di Grande e Raimondo, 1982; Cosentino e Ghiozzi, 1988), che indicano tassi di sollevamento a lungo termine compresi tra 0,4 e 0,7 mm/anno a partire da 400 ka (Bianca et al., 1999). Questo tasso di sollevamento diminuisce gradualmente verso l’estrema punta della Sicilia sud orientale, considerata come zona stabile nel corso dell’Olocene (Antonioli et al., 2006; Ferranti et al., 2006; Spampinato et al., 2010.

7Sotto questo profilo, è stata tentata un’analisi di massima dalla foce del Cantera a quella del S. Cusmano, torrente ormai scomparso che margina il ciglio meridionale del plateau sud.

8La caratteristica saliente dell’evoluzione della linea di costa, in questo tratto, è la tendenza al raccordo costiero lineare con erosione degli speroni emergenti, il crollo progressivo della falesia, il trasporto e la sedimentazione dei detriti nelle insenature. Dei crolli ancora in atto sono testimonianza eloquente i resti del tempio arcaico del plateau sud, la cui parte occidentale pende sull’orlo della scogliera inferiormente bordata, come tutta la costa, da una fascia di massi franati.

9Com’è visibile nella pianta (fig. 2) redatta da Cavallari (1892) alla fine dell’Ottocento, la costa presentava un andamento molto più articolato di quello attuale, con tre depressioni principali: quella della foce del Cantera, quella più ridotta della piccola valle fra i due plateaux e quella corrispondente alla foce del S. Cusmano, un breve torrentello che delimita a sud il plateau meridionale e che probabilmente rivestiva una sua funzione nel sistema difensivo arcaico.

Fig. 2

Fig. 2

Carta archeologica di Megara Hyblaea di Cavallari, 1889 modificata con ubicazione dei sondaggi, delle tracce delle sezioni e delle sorgenti

10Infatti le mura urbiche arcaiche si impostano sul ciglio del plateau, nell’ultimo tratto, a partire dalla sorgente del torrente, sfruttando anche il dislivello e il “vallo” naturale rappresentato dall’alveo del torrente.

11Il rilevamento geologico di dettaglio ha evidenziato che la formazione superficiale dell’area di Megara è costituita da calcareniti mediopleistoceniche che poggiano su un substrato argilloso infrapleistocenico (Aa.Vv., 1987). Il banco calcarenitico (permeabile) sovrasta dovunque le argille infrapleistoceniche (impermeabili) e questa conformazione fa sì che, lungo le superfici di contatto, laddove le linee morfologiche (Bordonaro et alii, 1984) intersecano il livello piezometrico, scaturiscano sorgenti d’acqua dolce, localizzate in diversi punti, la cui abbondanza, tutt’oggi percepibile, dovette costituire in passato un notevole incentivo all’insediamento. Allo stato attuale, ne è stata osservata l’esistenza di alcune, nonostante il sensibile abbassamento del livello di falda a causa dello sfruttamento industriale della zona.

12Proprio in dipendenza da quest’assetto morfologico, la presenza delle sorgenti di contatto è accentrata ai lati delle insenature che modulano la costa, e lo stesso rigagnolo che ancora solca il fondo della piccola valle, nella parte mediana, si alimenta probabilmente da questo coronamento d’affioramenti idrici diffusi.

13Delle insenature, quella mediana dell’Arenella, in cui pure è stata supposta la possibile presenza di un porto, era in antico una zona acquitrinosa in cui si raccoglievano le acque delle sorgenti laterali, mescolandosi con quelle del mare che a tratti entrava nella bassura, determinando una sorta di stagno costiero salmastro.

14La stratigrafia dell’interramento mostra, infatti, al di sotto di uno strato di humus di origine continentale, presumibilmente derivato dal dilavamento delle aree interne, uno strato di limo argilloso con ghiaia e ciottoli calcarenitici, situato a quota inferiore rispetto a quello dei ruderi di epoca greca rinvenuti nell’area, contenente molluschi (bivalvi e gasteropodi dei generi Cerastoderma e Cerithium) tipici degli ambienti di transizione (Pérès e Picard, 1964), (Azzaroli e Cita, 1963). Dell’originaria natura paludosa del sito sono testimonianza anche le numerose canalette, in pietra e in tubuli fittili, probabilmente riferibili ad un articolato sistema di drenaggio per la bonifica del terreno in periodo greco. La natura stessa dell’area pertanto esclude la sua utilizzazione come porto; porto che in ogni caso non avrebbe potuto esistere, dal momento che l’insenatura non offre alcuna protezione dalle tempeste dei quadranti orientali, che sono il grecale, quello dominante (che soffia con maggiore forza), e lo scirocco quello regnante (che soffia con maggiore durata) (Ulzega, 1993-94).

15Non dissimile, sebbene non ancora totalmente accertata sotto il profilo stratigrafico, sembra essere stata la situazione, in epoca greca, dell’insenatura meridionale, che, in ogni caso, sarebbe stata altrettanto aperta ai venti prevalenti senza alcuna possibilità di riparo in caso di mareggiate.

16Risultati incoraggianti si ricavano invece dallo studio dell’insenatura in corrispondenza della foce del Cantera. Sotto il profilo geomorfologico, è stata ricostruita la tendenza evolutiva manifestata dalla linea di costa, sia sulla base dei dati prima ricordati, sia grazie a carotaggi stratigrafici effettuati a sud della foce fluviale lungo la piccola falcata di spiaggia che si raccorda al Faro Cantera e a nord della foce stessa, nella centrale elettrica Enel, eseguiti dalla Sistemi Industriali s.r.l. nel 2003 per il piano della caratterizzazione ambientale.

17La prima osservazione riguarda lo spostamento della foce del fiume, che s’inserisce in un fenomeno riscontrato in tutta la costa meridionale degli Iblei, con esiti diversi. Com’è noto, la migrazione delle foci è dovuta prevalentemente alle correnti litorali determinate dal vento regnante e dominante in tutto il corso dell’anno, che lungo la nostra costa sono rispettivamente lo scirocco e il grecale (A.M. Servizio Meteorologico, 1984). Lo spostamento non è ovviamente uniforme, ma dipende dalla natura e dalla conformazione dell’alveo; laddove la portata d’acqua è maggiore e lo sbocco a mare non è vincolato da speroni calcarei laterali, la migrazione è maggiore, minore è invece in caso contrario.

18Nel caso di Megara, il raffronto tra la situazione odierna e quella mostrata dalla carta topografica I.G.M. del 1968 attesta che negli ultimi quarant’anni si è avuta essenzialmente una migrazione di circa 5 m verso Sud, con un avanzamento verso il mare di circa 40 m. Quest’ultimo fenomeno è dovuto allo sbarramento dei moli della zona industriale, che hanno causato l’accumulo imponente dei sedimenti fini trasportati dal fiume e dalle correnti di costa. Nel confronto con la linea costiera documentata nel rilievo planimetrico di Cavallari (1889), si nota che, alla fine del secolo scorso, la foce del fiume era ancora più a nord; la linea di costa non sembra invece aver subito sensibili modificazioni tra fine ‘800 e il 1968.

19I sondaggi stratigrafici (fig. 2) confermano quanto osservato e dedotto dalle analisi delle cartografie e delle foto aere. Il sondaggio S1, ubicato ai piedi della balza rocciosa su un piccolo terrazzamento a quota 1,60 m, prova che questa porzione di sito, nelle epoche passate, veniva lambita dal mare. Infatti, la sequenza stratigrafica mostra, al di sotto di 1.20 m di suolo con depositi colluviali, uno spessore di 0,80 m di limo argilloso nerastro con sporadici ciottoli e livelli di ghiaia, tipici di un ambiente di deposizione transazionale con acque calme, soggetto sia ad input fluviali che ad accumulo di sostanza organica in ambiente poco ossigenato. La stratigrafia si chiude in basso, a partire da 0.40 m s.l.m., con argille marnose grigio azzurre infrapleistoceniche, che costituiscono l’unità in cui è tagliata la bassa valle e che hanno spessore di circa 50 m (Aa. Vv., 1987).

20I carotaggi S2 e S3, ubicati il primo a metà della spiaggia a quota 0,40 m s.l.m. e il secondo in prossimità della foce attuale del Cantera alla stessa quota del precedente, presentano una sequenza stratigrafica simile, ma con spessori diversi, crescenti verso nord. Infatti, sotto 20 cm di terreno sciolto di spiaggia, si ripresenta il limo argilloso nerastro con uno spessore maggiore, circa 1,00-1,20 m, il quale indica un approfondimento del bacino di sedimentazione (fig. 3).

Fig. 3

Fig. 3

Sezione stratigrafica dei sondaggi eseguiti sulla spiaggia alla foce attuale del fiume Cantera e sezione sondaggi centrale Enel

Tiralongo

21Le sottoposte alternanze di sabbie, ghiaie e ciottoli, spesse fino a 3,10 m e con base a 4,10 m s.l.m., sono qui definite come sedimenti di ambiente fluviale, probabilmente ridistribuite dall’azione marina. L’interpretazione della sezione dei dati stratigrafici suggerisce che il solco fluviale scavato nelle argille infrapleistoceniche nel corso dell’ultima glaciazione sia stato rapidamente colmato da una successione del tipo fining up durante la rapida trasgressione olocenica (Spampinato et al., 2010), trasformando la bassa valle del Cantera in un golfo. Il successivo passaggio ai limi nerastri, con parziale isolamento dal mare aperto, potrebbe imputarsi ad uno sbarramento del golfo mediante la crescita di un cordone sabbioso attivato dal promontorio calcarenitico del Faro Cantera (ottimo per approdi protetti).

22Non dissimili sono le sequenze stratigrafiche dei sondaggi SS8, B3 e SS5, ubicate lungo un asse nord-sud eseguiti nell’area della centrale Enel. Pur essendo spostati verso l’interno, esse testimoniano l’approfondimento dell’alveo verso nord in corrispondenza del carotaggio B3. Infatti, la successione stratigrafica tipica di un ambiente fluviale con alternanza di limi, sabbie, ghiaie e ciottoli raggiunge le argille infrapleistoceniche, letto d’imposta del fiume, a 9,60 m nel carotaggio SS8, a 10,30 m nel carotaggio B3 e 3.80 m nel carotaggio SS5. Più spostati verso la costa sono i sondaggi SS10 e SR12 che raggiungono lo stesso contatto argille azzurre-ghiaie, a 10,40 m nel carotaggio SS10 e addirittura a 15,70 nel carotaggio SR12.

23La corrispondente sezione (fig. 3) mostra che, nel tardo-quaternario, il fiume scorreva in corrispondenza di B3 e più a nord di SR12 quando incideva il solco. L’asse della paleovalle, vista l’ubicazione e la quota del contatto argille azzurre-ghiaie, aveva una direzione SW-NE prima del riempimento olocenico.

24Sulla base di questi dati stratigrafici, l’altezza funzionale delle strutture sommerse (Scicchitano et al., 2008), ed i dati “isostatici” ed eustatici che attestano un l.d.m. di età greca di circa 2 metri più basso che oggi (Lambeck et al., 2004), porta a ritenere che l’alveo (e, quindi, la foce) del fiume Cantera in quell’età doveva attestarsi più a nord e in posizione più avanzata rispetto a quella attuale.

25Questa sembra la probabile configurazione morfologica della baia portuale nel periodo della colonizzazione greca (VIII sec. a.C.).

26In questo quadro geomorfologico, s’inseriscono le testimonianze archeologiche, rappresentate essenzialmente dalla struttura muraria sommersa (fig. 4) rinvenuta da P. Orsi (1890) ai piedi della falesia, nelle vicinanze del piccolo molo moderno, residuo della banchina dove nei secoli scorsi gli abitanti di Augusta approdavano, per testimonianza degli storici e delle cartografie storiche (Dufour, 1989), a fare provvista d’acqua dolce e di materiale da costruzione proveniente dalle rovine della città antica.

Fig. 4

Fig. 4

“Banchina Orsi” struttura sommersa ai piedi della falesia a nord del Faro Cantera

27Nel 1995 nell’ambito del progetto “I porti e gli approdi nell’Antichità dalla Preistoria all’Alto Medioevo”, promosso dal Ministero dei Beni Culturali, fu effettuata una pulitura parziale della struttura scoperta da Orsi, al fine di realizzarne una planimetria accurata. In quest’occasione, furono portati alla luce un nuovo filare del cosiddetto “molo Orsi” ed un nuovo tratto di platea e a circa 20 m dalla costa una struttura, a forma di L (Basile e Tiralongo, 1995).

28Il grande “molo Orsi”, della lunghezza totale di circa 25 m e dello spessore di circa 6 m, presenta fino a quattro filari di blocchi squadrati di calcarenite accuratamente connessi, regolari e di grandi dimensioni, paralleli alla costa, distanti dalla riva attuale circa 4 m. La probabile connessione con altri blocchi posti ad una certa distanza induceva in Orsi l’ipotesi di una lunghezza non inferiore a 34 m. In relazione alla cronologia, Orsi, sulla base del taglio, delle dimensioni e dell’assenza di legamenti fra i diversi blocchi, ipotizzava una datazione in età arcaica. Per quanto poi concerne la funzione, la sua interpretazione propendeva per un banchinamento portuale. Questo sarebbe stato legato, all’estremità occidentale, ad un tratto di grande muro perpendicolare sulla terraferma, anch’esso in grandi blocchi, in vari filari, addossato alla falesia, la cui funzione sarebbe stata quella di raccordare la banchina del porto alle mura della città correnti sul ciglio del promontorio. In relazione all’estremità orientale, Orsi avanzava l’ipotesi, sia pure in forma dubitativa, della possibile esistenza di un braccio ortogonale, con orientamento verso nord, che avrebbe costituito una sorta di molo di sbarramento. Allo stato attuale, il banchinamento risulta sommerso da 20 cm a 70 cm.

29Sotto il profilo funzionale, diverse sono state le interpretazioni relative ai ruderi sommersi. A parte quella di Orsi relativa ad un banchinamento di scalo ed ormeggio per piccoli natanti, connesso ad un molo trasversale, Schubring (1874), che prima di Orsi aveva notato la presenza di diverse strutture in mare, sotto il promontorio, parlava di “neosoikoi”. Vallet e Villard (1953, 1983) le riferiscono prima ad un portico di periodo ellenistico, poi ad elementi connessi alle fortificazioni. Infine Gras (1995), Gras et al., (2004) e Tréziny (2002) attribuiscono i blocchi a terra alla regimazione e monumentalizzazione della sorgente, attualmente presente a monte della scarpata, non escludendo che i blocchi sommersi possano essere un banchinamento portuale.

30Quest’ultima interpretazione sembra la più convincente sulla base di un’osservazione geologica effettuata sull’ubicazione della sorgente, di cui tutte le fonti storiche nonché le antiche carte attestano la copiosità e l’intensità d’uso (Perrone, 1934). La sorgente attuale sgorga a mezza costa (fig. 5), a circa 7 m s.l.m. e a 50 m dal cd. “molo Orsi”¸ ed è, in pratica, una delle due sorgenti attestate nella planimetria di Cavallari (1892).

Fig. 5

Fig. 5

Sistema di captazione della sorgente ubicata a mezzacosta della scarpata che conduce al molo scaricatore moderno

31Le due sorgenti, con ogni probabilità, appartenevano allo stesso livello di falda; la moderna opera di captazione potrebbe averle drenate in un unico apporto. Ma una terza risorgiva, anch’essa probabilmente connessa alle precedenti e successivamente scomparsa per effetto del progressivo abbassamento del livello di falda, era situata nell’immediata prossimità della struttura a blocchi, a circa 1 m s.l.m., direttamente sulla riva attuale. Di questa sorgente sono testimonianza i depositi “travertinoidi” (gli unici presenti sulla falesia) individuati in corrispondenza del punto di contatto fra calcarenite e sottostante argilla, prove inoppugnabili del trabocco duraturo d’acque dolci. È importante rilevare che i depositi includono frammenti ceramici d’età greca (fig. 6), il che attesta l’età della loro formazione.

Fig. 6

Fig. 6

Depositi “travertinoidi” ubicati in prossimità delle strutture a terra e sommerse considerate “banchinamento portuale”. La cerchiatura indica l’inclusione di frammenti ceramici di età greca

32A circa 22 m a nord del “molo Orsi”, ad una profondità variabile fra -1,20 m e -1,40 m, giacciono le due strutture perpendicolari, a forma di L, costruite con blocchi squadrati. Alcuni dei blocchi del braccio con orientamento est-ovest, disposti a triplice filare, presentano dimensioni analoghe a quelle del “molo Orsi”; diversi sono invece, sia per le minori dimensioni che per la minore cura nelle commessure, i blocchi del braccio nord-sud. Molto irregolare e sconnessa appare infine la giunzione ad angolo dei due bracci. Altri blocchi sparsi sono stati osservati nell’area compresa fra il “molo Orsi” e la struttura a L; difficile dire se sono collegati (fig. 7).

Fig. 7

Fig. 7

Planimetria del promontorio di Megara Hyblaea con rilievo e ubicazione del cd “molo Orsi” e della struttura a “L”.

33Indipendentemente dalle interpretazioni funzionali delle strutture descritte, il dato importante immediatamente ricavabile è quello di un’estensione del promontorio del “Faro Cantera” verso nord assai maggiore in epoca greca rispetto ad oggi.

34L’esame delle foto aeree, perfezionata dalla ricognizione in situ e dall’esame dei dati eustatici (Lambeck et al., 2004), fornisce un ulteriore conforto a questo dato sulla base della presenza, appena al di sotto del livello attuale del mare (da -0,20 m a -0,50 m), di una lunga fascia di scogli, si può ipotizzare un prolungamento verso nord della lunghezza di circa 100 m e della larghezza di circa 40 m, prolungamento su cui si impostano le strutture ora sommerse. L’intensità dei fenomeni di crollo ed arretramento della falesia sono stati favoriti dalla conformazione geologica della falesia stessa, che presenta alla base, al di sotto del bancone calcarenitico, uno strato di argille, la cui scarsa coesione favorisce l’erosione, innescando il fenomeno dello scalzamento al piede (Di Grande e Raimondo, 1982). È evidente pertanto che, in origine, la punta costituiva una protezione naturale dell’insenatura ad ovest di essa dalle mareggiate di scirocco; insenatura che, a sua volta, era morfologicamente diversa da quella attuale.

35Oggi, a sud del fiume, fra questo e il piccolo molo moderno, si stende un tratto di spiaggia, alto circa un metro s.l.m., di larghezza variabile fra 30 e 50 m, e della lunghezza di 200 m alla corda, con un raggio di 40 m, orlato superiormente dal ciglio di una terrazza di altezza abbastanza uniforme, che si aggira intorno a 2 m. La natura dei sedimenti di cui è costituita la spiaggia attuale è ciottoloso-sabbiosa, con matrice limosa, che ne attesta la provenienza fluviale; si tratta cioè di apporti fluviali, ridistribuiti dalle correnti litorali e depositatisi verso sud, all’interno di una preesistente insenatura. L’originaria conformazione di questa seguiva la linea di orlo dell’attuale terrazza dei due metri; esisteva quindi, nell’antichità, in concomitanza con una foce fluviale spostata verso nord, una falcatura di spiaggia del raggio di circa 100 m, protetta verso est dall’impetuoso vento di grecale, oltre che da quello di scirocco dal prolungamento della punta, vero frangiflutto naturale. Si configura pertanto un vero porto, di non grande capacità, ma di sufficiente potenziale di protezione, utile ad albergare e riparare la poco numerosa flotta megarese, della cui esigua consistenza le fonti forniscono testimonianza.

36In conclusione, la ricostruzione geomorfologica della linea di costa e la relativa conformazione dell’insenatura alla foce del fiume Cantera attestano che questo settore era il più idoneo all’approdo sin dalle prime fasi dell’insediamento, e ciò anche prescindendo dalla interpretazione archeologica delle strutture in blocchi trovate da Orsi, anche se mancano gli indicatori geologici (datazioni assolute) e archeologici (indicatori ceramici).

37Nelle prospettive future, la ricerca dovrà essere condotta nella duplice direzione dello scavo archeologico subacqueo, finalizzato all’esplorazione esaustiva delle strutture in blocchi sommerse, e dell’indagine geognostica, mirata alla determinazione dell’età dei sedimenti attraversati, utilizzando metodi di datazione assoluta, vista la notevole presenza di materiale organico, al fine di poter ricavare i dati inerenti al sollevamento eustatico ed alla velocità di sedimentazione. Solo allora sarà possibile indicare con assoluta attendibilità la linea di costa in età greco arcaica e relazionarla ai dati dell’evidenza archeologica.

Top of page

Bibliography

Aa.Vv., (1987), Carta Geologica della Sicilia sud‑orientale, S.El.Ca., Firenze.

Aeronautica Militare Servizio Meteorologico, (1984), Frequenze e medie delle osservazioni eseguite nel periodo 1974‑83 dalla stazione di Cozzo Spadaro, Istituto Centrale di Statistica, Roma.

Antonioli F., Ferranti L., Lambeck K., Kershaw S., Verrubbi V., Dai Pra G., (2006), Late Pleistocene to Holocene record of changing uplift rates in southern Calabria and northeastern Sicily (southern Italy, Central Mediterranean Sea), Tectonophysics, 422, p. 23‑40.

Azzaroli A., Cita M.B., (1963), Geologia stratigrafica, 1, La Goliardica, Milano.

Basile B., Tiralongo P., (1995), Sul porto di Megara Iblea e le antiche linee di costa del territorio siracusano, Relazione presentata alla X Rassegna internazione di Archeologia Subacquea di Giardini Naxos (non publicata).

Bianca M., (1999), Terrazzi marini e sollevamenti tettonici nel settore orientale del Plateau Ibleo, Bollettino Accademia Gioenia Scienze Naturali, 31(355), p. 51‑60.

Bianca M., Monaco, C., Tortorici L., Cernobori L., (1999), Quaternary normal faulting in southeastern Sicily (Italy): a seismic source for the 1693 large earthquake, Geophysical Journal International, 139, p. 370‑394.

Bordonaro S., Di Grande A., Raimondo W., (1984), Lineamenti geomorfostratigrafici tra Melilli, Augusta e Lentini (Siracusa), Bollettino Accademia Gioenia, 327, p. 79‑84.

Carbone S., Di Geronimo I., Grasso M., Iozzia S., Lentini F., (1982), I terrazzi marini quaternari dell’area Iblea (Sicilia sud‑orientale), Contributi conclusivi per la realizzazione della Carta Neotettonica d’Italia, C.N.R.‑ P.F.G., 506, 35 p.

Cavallari F.S., (1892), La Topografia. Megara Hyblaea, Storia, Topografia, Necropoli e Anathemata, Monumenti Antichi dei Lincei, I, coll., p. 914‑950.

Cosentino D., Ghiozzi E., (1988), Considerazioni sulle velocità di sollevamento di depositi eutirreniani dell’Italia Meridionale e della Sicilia, Memorie Società Geologica Italiana, 41, p. 653‑665.

Di geronimo I., Ghisetti F., Lentini F. e Vezzani L., (1978), Lineamenti neotettonici della Sicilia orientale, Memorie Società Geologica Italiana, 19, p. 543‑549.

Di Grande A., Raimondo W., (1982), Linee di costa pliopleistoceniche e schema litostratigrafico del Quaternario siracusano, Geologica Romana, 21, p. 279‑309.

Dufour L., (1989), Augusta, da città imperiale a città militare, Sellerio, Palermo.

Ferranti L., Antonioli F., Mauz B., Amorosi A., Dai Pra G., Mastronuzzi G., Monaco C., Orrù P., Pappalardo M., Radtke U., Renda P., Romano P., Sansò P., Verrubbi V., (2006), Markers of the last interglacial sea level high stand along the coast of Italy: Tectonic implications, Quaternary International, 145‑146, p. 30‑54.

Gras M., (1995), Mégara Hyblaea avant Augusta, Une fontaine dans l’histoire, Alla Signorina. Mélanges offerts à Noelle de la Blanchardière, Roma.

Gras M., Tréziny H., Broise H., (2004), Mégara Hyblaea, 5, La Ville Archaïque d’une cité grecque de Sicile orientale, École Française de Rome.

Lambeck K., Antonioli F., Purcell A., Silenzi S., (2004), Sea level change along the Italian coast for the past 10,000 yrs, Quaternary Science Reviews, 23, p. 1567‑1598.

Monaco C., Tortorici L., (2000), Active faulting in the Calabrian arc and eastern Sicily. Journal of Geodynamics, 29, p. 407‑424.

Orsi P., (1890), Megara Hyblaea, Monumenti Antichi dei Lincei, 1 coll., p. 757‑761.

Pérès J.‑M., Picard J., (1964), Nouveau manuel de bionomie bentique de la Mer Méditerranée, Recueil des travaux de la Station Marine d’Endoume, 31, p. 1‑137.

Perrone E., (1934), Le sorgenti italiane, II Sicilia, Roma.

Schubring J., (1864), Umwanderung des Megarischen Meerbusens in Sizilien, Zeitschrift fur allgemeine Erdkunde, N.S. XVII, p. 434‑464.

Scicchitano G., Antonioli F., Castagnino Berlinghieri E. F., Dutton A, Monaco C., (2008), Submerged archaeological sites along the Ionian coast of southeastern Sicily (Italy) and implications for the Holocene relative sea‑level change, Quaternary Research, 70, p. 26‑39.

Spampinato C.R., Costa B., Di Stefano A., Monaco C., Scicchitano G., (2010), The contribution of tectonics to relative sea‑level change during the Holocene in coastal south‑eastern Sicily: new data from bore‑holes, Quaternary International, 232, 1‑2, p. 214‑227.

Tréziny H., (2002), Urbanisme et voirie dans les colonies grecques archaïques de la Sicile orientale, Pallas, 58, p. 267‑282.

Ulzega A., (1993/94), Considerazioni geografiche dei mari e delle coste della Sicilia, Kokalos, p. 1‑7.

Vallet G., Villard F., (1953), Megara Hyblaea, III, Les Fouilles de 1951, Paris, p. 23‑27.

Vallet G., Villard F., Auberson P., ( 1983), Megara Hyblaea. Guida agli scavi, École Francaise de Rome, Mélange d’archéologie et d’histoire, Rome, p. 133‑134.

Top of page

List of illustrations

Title Fig. 1
Caption Carta geologica con ricostruzione della paleolinea di costa del sito di Megara Hyblaea
Credits Tiralongo
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-1.png
File image/png, 107k
Title Fig. 2
Caption Carta archeologica di Megara Hyblaea di Cavallari, 1889 modificata con ubicazione dei sondaggi, delle tracce delle sezioni e delle sorgenti
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-2.png
File image/png, 253k
Title Fig. 3
Caption Sezione stratigrafica dei sondaggi eseguiti sulla spiaggia alla foce attuale del fiume Cantera e sezione sondaggi centrale Enel
Credits Tiralongo
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-3.png
File image/png, 145k
Title Fig. 4
Caption “Banchina Orsi” struttura sommersa ai piedi della falesia a nord del Faro Cantera
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-4.png
File image/png, 283k
Title Fig. 5
Caption Sistema di captazione della sorgente ubicata a mezzacosta della scarpata che conduce al molo scaricatore moderno
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-5.png
File image/png, 824k
Title Fig. 6
Caption Depositi “travertinoidi” ubicati in prossimità delle strutture a terra e sommerse considerate “banchinamento portuale”. La cerchiatura indica l’inclusione di frammenti ceramici di età greca
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-6.png
File image/png, 449k
Title Fig. 7
Caption Planimetria del promontorio di Megara Hyblaea con rilievo e ubicazione del cd “molo Orsi” e della struttura a “L”.
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/5967/img-7.png
File image/png, 189k
Top of page

References

Electronic reference

Paolo Tiralongo, « Contributo geoarcheologico sul porto di Megara Hyblaea (Sicilia) », Méditerranée [Online], 117 | 2011, Online since 31 December 2013, connection on 20 August 2017. URL : http://mediterranee.revues.org/5967 ; DOI : 10.4000/mediterranee.5967

Top of page

About the author

Paolo Tiralongo

Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Siracusa, paolo.tiralongo@regione.sicilia.it

Top of page

Copyright

Tous droits réservés

Top of page