Skip to navigation – Site map

L’attività di ricerca geoarcheologica di Aldo Cinque

Paola Romano

Full text

1La ricerca geoarcheologica in Campania, un territorio estremamente ricco di record archeo-stratigrafici, deve la sua sensibile crescita negli ultimi 20 anni soprattutto alle ricerche svolte da Aldo Cinque, Professore Ordinario di Geomorfologia all’Università di Napoli Federico II, e dalla scuola di ricercatori da lui guidata. Nella produzione scientifica di Aldo Cinque (costituita da circa 100 articoli nei campi della Geomorfologia e Geologia del Quaternario) figurano, infatti, numerosi ed originali studi indirizzati alla ricostruzione del rapporto fra evoluzione del paesaggio e sviluppo delle comunità umane nei tempi storici e preistorici. Gli studi, effettuati in numerosi e fra i più importanti siti archeologici dell’Italia meridionale, si avvalgono di un uso integrato, innovativo e rigoroso di tecniche di studio geologiche ed archeologiche. Essi pertanto dimostrano il ruolo fondamentale svolto dall’autore nel consolidare la collaborazione fra ricercatori geologi ed esperti archeologi nella tutela e conservazione del patrimonio storico-archeologico campano.

2Le ricerche hanno interessato diversi siti ubicati in tutti i contesti morfo-sedimentari della Campania. Particolare attenzione è stata dedicata ai siti ubicati in aree costiere (Helea-Velia, Paestum, Oplonti, Pompeii, Herculaneum, Neapolis, Puteoli, Misenum), luoghi dove la storia degli insediamenti umani ha interagito con i processi morfodinamici costieri e le variazioni eustatiche del mare nonchè nelle ben note aree vulcaniche della Campania (Campi Flegrei, Isole di Ischia e Procida, e Vesuvio) interessate da moti verticali del suolo. Rimarchevoli fra i risultati sono i nuovi dati sulla storia del bradisisma puteolano emersi dalle terme romane di Misenum, e la curva relativa del livello marino ricostruita presso il famoso “Tempio di Serapide”, che aggiunge preziosi dati sui moti oscillanti del suolo attivi nell’area flegrea e sui suoi ritmi negli ultimi 2000 anni; ancora la ricostruzione dell’evoluzione olocenica della fascia costiera della piana del Sarno, legata all’interazione fra input vulcanoclastici provenienti dal Somma-Vesuvio, subsidenza e risalita eustatica del mare. Ancora per questo settore, originali sono i risultati degli studi geomorfologici ed archeostratigrafici sul Vulcano di Pompei, struttura vulcanica sepolta nella piana, che ospita la notissima area archeologica di Pompeii, e sul disegno costiero fra Oplonti e Stabiae all’epoca dell’eruzione del 79 d.C. Da ricordare, inoltre, gli studi originali sullo stretto e reciproco rapporto di causa-effetto fra dinamica dei processi naturali ed impatto antropico nei siti di Paestum ed Helea-Velia, da cui è apparsa in alcuni casi più sensibile la forzante antropica sulla dinamica dei processi naturali (di aggradazione travertinosa nel caso di Paestum, di alluvionamento nel caso di Velia). Numerose ricerche sono state anche indirizzate a casi di studio riguardanti siti preistorici, protostorici e storici ubicati in contesti di piana alluvionale, di glacis pedemontano e di grotta (tra cui il villaggio perifluviale e perispondale di Longola-Poggiomarino sul fiume Sarno, i siti di Castellammare e della Penisola Sorrentina, i riempimenti della grotta Vascio o’ funno di Capri).

3Due importanti convegni, Roma 1-3 febbraio 2007 e Salerno 7-9 settembre 2007 (presentato in questo volume), segnano la diffusione su scala nazionale ed internazionale delle più recenti ricostruzioni paleoambientali e paleomorfologiche eseguite in due fra i siti archeologici di maggiore rilevanza del Mediterraneo: Herculaneum e Neapolis. Sensazionali scoperte sull’entità metrica dei movimenti verticali del suolo, precedenti e precursori la nota eruzione vesuviana del 79 d.C., sono state ottenute per l’area di Herculaneum dallo studio di nuovi dati di scavo e sondaggi, mentre per il sito di Neapolis, è stata ricostruita la baia ospitante le attività portuali greco-romane e la storia della sua trasformazione in area palustre in epoca medievale; sono stati, inoltre, precisati i ritmi dei moti verticali che, con modalità diverse, hanno accompagnato e condizionato l’evoluzione della zona costiera della città greco-romana.

4 Ma molte altre interessanti ricerche geoarcheologiche, spazianti anche in campo toponomastico, sono attualmente condotte da Aldo, anche in collaborazione con il suo consolidato gruppo di ricerca, e dunque ancora inedite; ad esse si dovrà ulteriore merito nella conoscenza della storia delle popolazioni umane e del loro rapporto con le dinamiche naturali endogene ed esogene in una regione dell’Italia meridionale così ricca di diversificati scenari paleoambientali quale la Campania.

Top of page

Bibliography

Cinque A., Russo F., (1986), La linea di costa del 79 d.C. fra Oplonti e Stabiae nel quadro dell’evoluzione olocenica della Piana del Sarno (Campania), Bollettino della Società Geologica Italiana, vol. 105, p. 111-121.

Cinque A. (1986). Guida alle escursioni geomorfologiche (Penisola sorrentina, Capri, Piana del Sele e Monti Picentini). Dip. Sci. Terra Univ. Napoli, publ. no 33.

Barra D., Bonaduce G., Brancaccio L., Cinque A., Ortolani F., Pagliuca S., Russo F.,(1989), Evoluzione geologica olocenica della piana costiera del fiume Sarno (Campania), Memorie della Società Geologica Italiana, vol. 42, p. 255­267.

Albore-Livadie C., Barra D., Bonaduce G., Brancaccio L., Cinque A., Ortolani F., Pagliuca S., Russo F., (1990), Evoluzione geomorfologica, neotettonica e vulcanica della piana costiera del fiume Sarno (Campania) in relazione agli insediamenti anteriori all'eruzione del 79 d.C. In: Volcanologie et Archeologie (Albore Livadie C. & Widemann F. Eds.), PACT, Consiglio d’Europa, vol 25, p. 237-256.

Cinque A., (1990), Evoluzione del paesaggio nel corso del Pleistocene superiore - Olocene. In : Archelogia a Piano di Sorrento; ricerche di preistoria e di protostoria nella Penisola Sorrentina. (Albore Livadie C. Ed.). Sovrintendenza Archeologica delle Prov. di Napoli e Caserta & École Francaise de Rome. Arte Tipografica s.a.s., Napoli, p. 19-22.

Cinque A. (1991), La trasgressione versiliana nella piana del Sarno (Campania), Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria, vol. 14, p. 63-71.

Cinque A., Russo F., Pagano M., (1991), La successione dei terreni di età post-romana delle terme di Miseno (Napoli): nuovi dati per la storia e la stratigrafia del bradisisma puteolano. Bollettino Società Geologica Italiana, vol. 110, p. 231-244.

Ortolani F., Cavaliere S., Cinque A., Russo F., Barone A., Gianni A., (1994), Nuovi contributi all'identificazione del litorale antico di Pompei. In: NEAPOLIS Progetto-sistema per la valorizzazione integrale delle risorse ambientali e artistiche dell'area vesuviana; Min. Beni Culturali e Ambientali. Ed. “L'Erma” di Bretschneider (Roma) vol. II, parte IV, p. 219-291.

Cinque A., Rosskopf C., Barra D., Campajola L., Paolillo G., Romano M., (1995), Nuovi dati stratigrafici e cronologici sulla evoluzione recente della Piana del F.Alento (Cilento, Campania), Il Quaternario, vol. 8 (2), p. 323-338.

Cinque A., aucelli P.P.C., Brancaccio L., Mele R., Milia A., Robustelli G., Romano P., Russo F., Russo M., Santangelo N., Sgambati D., (1997), Volcanism, tectonics and recent geomorphological change in the bay of Napoli, I.A.G. IV Int. Conf. On Geomorfphology, Supplementi di Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria, vol. III (T 2), p. 123-141.

Cinque A., Robustelli G., Russo M., (2000), The consequences of pyroclastic follout on the dynamics of mountain catchments: geomorphic events in the Rivo d’Arco basin (sorrento Peninsula, Italy) after the Plinian eruption of Vesuvius in 79 A.D., Geografia Fisica. e Dinamica Quaternaria, vol.23, p. 117-129.

Cinque A., Irollo G., (2004), Il “Vulcano di Pompei”: nuovi dati geomorfologici e stratigrafici, Il Quaternario, vol.17 (1), p. 101-116.

Cinque A., Perrielllo Zampelli S., Romano P., Ruello M. R., Amato L., Guastaferro C., (2004), Variazioni della linea di costa in epoca storica: ricostruzioni lungo il litorale della città di Napoli – Convegno sul tema “La geologia del Quaternario in Italia: Temi emergenti e zone d’Ombra”, Roma 16-18 Febbraio 2004, Abstract.

Cinque A., Pescatore T. (2004), Historical geological events and their impact on Man, Guide to Field Trip P14 of the 32nd International Geological Congress. Memorie Descrittive della Carta Geologica d’Italia, vol. LXIII (4), p. 1-44.

Cinque A., Irollo G., Esposito A., (2005), On the morphology of the Somma-Vesuvius volcano (Italy) in the 1st century A.D, - Abstract Volume, 6th Int. Conf. On Geomorphology, september 7-11 Zaragoza (Spain), p. 310.

Cinque A., Robustelli G., (2005), Alluvial and coastal hazards due to far range effects of Plinian eruptions: the case of the Lattari Mts. after the AD 79 eruption of Vesuvius (S. Italy) - Atti del Congresso EGU di Vienna, 2005, in stampa su: Geohazard in Rocky Coastal Areas, Eds: C. Violante, E. Esposito, S. Porfido and M. Sacchi, Geol. Soc. of London, Special Pubblication.

Irollo G., Ascione A., Cinque A., (2005), Segnalazione di attività olocenica lungo due fault zone dell’hinterland del Golfo di Napoli, Atti GNGTS, XXIV Convegno Nazionale, Roma 15-17 Novembre, 2005, p. 17-21.

Camardo D. , Cinque A., (2005), La toponomastica della parte centrale dei Monti Lattari (antico Stato di Amalfi) in Rassegna del Cantro di Cultura e Storia amalfitana N.S. Anno XV (XXV dell’intera serie), p. 111-149.

Cinque A., Irollo G., (2008), La paleogeografia dell’antica Herculaneum e le fluttuazioni, di origine bradisismica, della sua linea di costa, in: Pietro Giovanni Guzzo e Maria Paola Guidobaldi (a cura di) – Nuove ricerche archeologiche nell’area vesuviana (scavi 2003-2006) – Atti del Convegno Internazionale, Roma 1-3 febbraio 2007.

Cinque A., Irollo G., Camardo D., (2008), Antiche attività estrattive e cicli bradisismici sulla costa della antica Herculaneum:percorsi, esisti e prospettive di una ricerca geoarcheologica, in Vesuviana, Archeologie a confronto.

Méditerranée, questo volume:

Amato L., Carsana V., Cinque A., Di Donato V., Giampaola D., Guastaferro C., Irollo G., Morhange C., Romano P., Ruello M. and Russo Ermolli E., Ricostruzioni geoarcheologiche e morfoevolutive nel territorio di Napoli (Italia): l’evoluzione tardo pleistocenica-olocenica e le linee di riva di epoca storica

Amato V., Cinque A., Holocene climatic changes and their effect on morphodynamics and sedimentation in Campania (southern Italy)

Cinque A., Robustelli G., Slope instability, alluvial events and costal changes occurred in the Sorrento Peninsula (S. Italy) soon after the Vesuvius eruption in A.D. 79.

Putignano M.L., Cinque A., Lozej A. and Mocchegiani Carpano C., Late Holocene ground movements in the Phlegrean volcanic district (Southern Italy): new geo-archaeological evidence from the nearshore and offshore of Vivara and Procida Islands.

Amato V., Avagliano G., Cinque A., Cipriani M., Di Paola G., Pontrandolfo A., Rosskopf M. C. and Santoriello A., Geomorphology and geoarcheology of the area of Paestum: modifications of the physical environment in historical times.

Top of page

References

Electronic reference

Paola Romano, « L’attività di ricerca geoarcheologica di Aldo Cinque », Méditerranée [Online], 112 | 2009, Online since 01 January 2011, connection on 19 October 2017. URL : http://mediterranee.revues.org/2939 ; DOI : 10.4000/mediterranee.2939

Top of page

About the author

Paola Romano

By this author

Top of page

Copyright

Tous droits réservés

Top of page