Skip to navigation – Site map
Géoarchéologie littorale

Evoluzione del paesaggio costiero tra Parthenope
e Neapolis

Évolution du paysage littoral entre Parthenope et Neapolis
Evolution of the coastal landscape between Parthenope and Neapolis
Vittoria Carsana, Stefania Febbraro, Daniela Giampaola, Carmella Guastaferro, Giolanda Irollo and Maria Rosaria Ruello
p. 14-22

Abstracts

The coastal landscape between Parthenope and Neapolis has been redrawn in light of recent archaeological and geoarchaeological investigations undertaken during the construction of the Naples Underground Line 1. The ancient coastline, together with changes during the past centuries, has been precisely identified and the harbour of the Greco-Roman city has been located in the large cove between Municipio square and Bovio square. The Municipio station excavation revealed several different levels of the harbor bottom, which was used from the late fourth or early third century BC to the early fifth century AD. Thanks to the discovery of three shipwrecks and various structures, including a mole and piers, it has been possible to reconstruct the history of this part of the port of Neapolis.

Top of page

Full text

1Il paesaggio costiero degli antichi siti di Neapolis e Parthenope ricadenti all’interno del centro storico di Napoli è stato ricostruito grazie alle esplorazioni archeologiche e alle campagne di carotaggi geoarcheologici eseguite nelle aree delle stazioni della linea 1 della Metropolitana localizzate fra piazza Garibaldi e piazza Municipio (fig. 1). Più in particolare la definizione del bacino portuale di Neapolis è stata di recente oggetto di approfondimenti e articolazioni (Amato et alii, 2009).

2Parthenope/Palaepolis e Neapolis, fondate rispettivamente nella prima metà del vii secolo a.C. e fra la fine del vi-inizi del v secolo a.C., sono ubicate la prima sulla rocca tufacea di Pizzofalcone, l’altra su un più basso plateau, digradante, con un profilo irregolare, dai circa 65 m dell’acropoli di S. Aniello a Caponapoli, ai circa 5 m del litorale sabbioso immediatamente sottostante (D’Agostino, Giampaola 2005). Fra i due siti si estende, alle pendici della collina del Vomero occupate dai Quartieri Spagnoli, un’area sub pianeggiante incisa da valloni e solchi di corrivazione provenienti da nord ed ovest e sfocianti al mare.

3La linea di costa sottostante tale area, indagata nelle stazioni della metropolitana Municipio e Università in piazza G. Bovio, presenta una grande insenatura, accanto alla quale i carotaggi geoarcheologici eseguiti a nord e a sud di corso Umberto nello spazio antistante le colline del Monterone e di S. Marcellino hanno rivelato un’ulteriore minore rientranza protetta dalle vicine fortificazioni urbane. In essa sono stati riconosciuti livelli di ambiente sommerso/battigia, databili ad età ellenistica, con resti in blocchi e in scaglie di tufo miste a sabbia, pertinenti verosimilmente a strutture litoranee. In tale sito, anche sulla scorta di una nuova lettura della tradizione liviana relativa al conflitto fra Roma e Neapolis durante la ii guerra sannitica, si è proposto di riconoscere l’insenatura in cui era ospitata la flotta neapolitana.

4Le esplorazioni archeologiche fra piazza N. Amore e piazza Garibaldi attestano una spiaggia emersa che si raccorda alla depressione del Sebeto, il corso d’acqua delimitante in epoca storica il territorio neapolitano a sud-est.

5Le peculiarità di questo contesto ambientale condizionano fortemente le modalità di occupazione che appaiono diversificate per cronologia, funzioni e consistenza monumentale dei resti.

6In linea generale si può affermare che i rilievi collinari ai margini del litorale sono interessati da insediamenti a cominciare dall’età del Neolitico finale. A piazza N. Amore, ubicata immediatamente a valle del plateau su cui sarà fondata Neapolis, sono state riconosciute, dall’età del Bronzo medio all’età del Ferro, fasi di occupazione, documentate soprattutto da abbondanti reperti ceramici, in un contesto di ambiente costiero prevalentemente emerso ma molto vicino alla riva. A piazza Garibaldi sul paleosuolo del Bronzo medio-recente e per tutte le successive rade fasi di vita sino ad età moderna, l’indagine ha rivelato una stratigrafia sabbiosa limosa riconducibile a frequenti esondazioni, forse provenienti da un vicino corso d’acqua discendente dalle colline circostanti (il vallone dell’Arenaccia).

7Nel campione di piazza N. Amore, privilegiato per ampiezza ed articolazione stratigrafica, si recupera la stratigrafia, databile intorno alla metà del v secolo a. C., di una spiaggia emersa solcata da alvei di formazione naturale, immediatamente esterna al circuito della fortificazione.
La presenza di frammenti ceramici residuali testimonia una frequentazione delle aree al contorno almeno dalla metà del vi secolo a.C. La spiaggia conosce una occupazione strutturata, probabilmente a carattere sacro, solo dagli inizi del iv secolo a.C., momento in cui, pur con alcuni fenomeni di discontinuità attestati fra la metà del iii e gli inizi del secolo successivo, è possibile forse riconoscere l’origine della straordinaria vicenda insediativa che culminerà con la realizzazione in età augustea del Santuario dei Giochi Isolimpici. Il complesso, di cui sono stati esplorati parte del tempio e del portico, ricade nel quartiere a carattere agonistico che, per tutta l’età imperiale sino al iii secolo avanzato, occupa il settore sud-orientale della città esterno al perimetro fortificato originario (Giampaola et alii, 2005). L’area non lontana dal porto si collega all’urbanizzazione ad esso circostante di cui le indagini in atto stanno rivelando resti ancora in corso di definizione.

8Ad oriente, oltre i limiti del quartiere agonistico, i dati bibliografici attestano aree di necropoli probabilmente connesse alla viabilità verso Nola e l’agro vesuviano. In tale contesto rientra un importante asse stradale litoraneo rinvenuto a piazza Garibaldi . Esso perdura, dal ii secolo a.C. al ii secolo d.C., con diversi rifacimenti della massicciata ed appare protetto da esondazioni rivelate da una stratigrafia limosa, mediante la realizzazione di fossati artificiali e cordoli di terra e materiale edilizio.

9Dagli inizi del v secolo d.C. nel litorale appaiono diffusi fenomeni di impaludamento, sia nell’insenatura portuale fra piazza Municipio e piazza Bovio, sia nel quartiere agonistico dove, ad esempio, a piazza N. Amore già dalla metà del iv secolo d.C. si individuano nell’area dell’edificio templare indizi di ristagno delle acque che, nonostante l’esecuzione di canali di drenaggio, determineranno nel corso del v secolo il suo abbandono. Fra piazza Municipio e piazza Bovio alla formazione di un’ambiente lagunare segue un insabbiamento che condurrà nel vi secolo d.C. all’avanzamento della linea di costa e al conseguente spostamento verso est del porto.

1 - L’insenatura portuale di piazza Municipio e piazza Bovio

10B. Capasso per primo ha riconosciuto nell’area di piazza Municipio un settore del bacino portuale di Neapolis, identificato sulla scorta di un documento del 1018 che menziona due porti, un bacino più grande denominato Portus Vulpulum, ubicato nell’area occupata da Castel Nuovo, piazza Municipio, via Medina e un più piccolo e contiguo Portus de Arcina nell’area del Molo Piccolo (Capasso, 1895) (fig. 2).

Fig. 2 - B. Capasso, Topografia della città di Napoli nell’XI secolo (riproduzione da esemplare conservato presso la biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria).

Fig. 2 - B. Capasso, Topografia della città di Napoli nell’XI secolo (riproduzione da esemplare conservato presso la biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria).

11Gli scavi per la Linea 1 della Metropolitana hanno confermato che nella grande insenatura compresa tra Castel Nuovo e la chiesa di S. Maria di Porto Salvo, almeno dalla fine del iv-prima metà del iii secolo a.C., è realizzato un porto che rimane in uso sino agli inizi del v secolo d.C. (Giampaola et alii, 2006) (fig. 1).

Fig. 1 - Ricostruzione della linea di costa fra Parthenope e Neapolis dal periodo ante IV sec. a.C. ad età tardo antica (v-vi sec. d.C.) con localizzazione delle aree di scavo delle stazioni.

Fig. 1 - Ricostruzione della linea di costa fra Parthenope e Neapolis dal periodo ante IV sec. a.C. ad età tardo antica (v-vi sec. d.C.) con localizzazione delle aree di scavo delle stazioni.

12A piazza Municipio l’area di scavo è ubicata nella parte più interna dell’antica insenatura, immediatamente a ridosso della linea di costa evidenziata dai sondaggi geoarcheologici.

13L’indagine ha rivelato l’esistenza, al di sotto di una sequenza stratigrafica di circa 13 m di profondità dall’attuale piano di calpestio della piazza, di un ambiente sommerso, probabilmente a bassa profondità, in cui sono stati distinti circa quattro metri di sedimenti stratificati dei diversi fondali sabbiosi del porto. Le analisi della stratigrafia di tali fondali eseguite da C. Morhange hanno documentato una sedimentazione molto fine, segnalando un ambiente protetto in comunicazione con il mare aperto e con contaminazioni di acqua dolce.

14I livelli più profondi (fino a quota -7,00/-7,60 m slm) sono intaccati da solchi intersecanti a profilo concavo interpretati come resti di dragaggi (fig. 3).

Fig. 3 - Piazza Municipio. Tracce degli antichi dragaggi del fondale

Fig. 3 - Piazza Municipio. Tracce degli antichi dragaggi del fondale

15Essi, eseguiti in ambiente sommerso probabilmente con un’imbarcazione munita di draga (Pomey, 1999), hanno asportato le sabbie e, in alcuni settori fino a uno spessore di 0,85 m, anche le cineriti della facies incoerente del banco di Tufo Giallo Napoletano. E’ stato possibile distinguere, attraverso un accurato scavo stratigrafico, diverse manovre di dragaggio in due direzioni principali, est-ovest e nord-est/sud-ovest. La prima e più antica raggiunge le cineriti (ad ovest a q. -5,60/-5,80; ad est -7,00/-7,60 m slm) e si estende ad ovest in aderenza della linea di costa, evidentemente per livellare il fondale per un più facile approdo, mentre le successive manovre intaccheranno il solo settore orientale (Giampaola, Carsana, 2005) (fig. 4).

Fig. 4 - Piazza Municipio. Planimetria dei solchi di dragaggio.

Fig. 4 - Piazza Municipio. Planimetria dei solchi di dragaggio.

16Le operazioni di dragaggio, databili fra la fine del iv ed il iii secolo a. C., sembrano costituire una radicale rifunzionalizzazione portuale del settore di insenatura indagato, allo scopo di abbassare il livello dei fondali e regolarizzare il profilo originario dei margini dell’insenatura che si presentava maggiormente accidentato.

17Gli interventi di dragaggio hanno alterato la più antica stratigrafia, relativa alle fasi iniziali di frequentazione di tale insenatura, da quelle dell’ambito cronologico dell’insediamento di Parthenope di vii secolo a.C. a quelle della Neapolis di v secolo a.C. Si può tuttavia osservare che dallo scavo di Municipio sono stati recuperati, alle quote profonde dei fondali, frammenti ceramici residuali degli inizi del vii secolo a.C., confrontabili con i materiali più antichi di Parthenope provenienti dai contesti della necropoli di Pizzofalcone e dello scarico del Chiatamone (D’Agostino, Giampaola 2005). Diversamente nel versante dell’insenatura indagato nella stazione Università (piazza Bovio), più vicino al sito di Neapolis, nel fondale sabbioso al di sopra della stratigrafia naturale (da -5,55/-7,40 m slm), peraltro non disturbato da dragaggi, i reperti più antichi risalgono alla metà del v secolo a.C.

18A Piazza Municipio le attività di dragaggio sembrano concludersi nel corso della seconda metà del ii secolo a.C., allorchè un sedimento sabbioso (q. -5,60/-5,50 m slm) livella il fondale, intaccato solo sporadicamente da dragaggi. Si susseguono poi diversi fondali (fino a quota -3,00 m slm), costituiti da sabbie, limo e piante marine (posidonie), sedimentati in una stratigrafia orizzontale molto regolare, in cui sono stati rinvenuti numerosi reperti quasi integri, che costituivano, accanto ad eventuali rifiuti urbani, in parte oggetti perduti nel corso delle operazioni di carico e scarico delle merci, in parte dotazioni di bordo. La procedura dello scavo stratigrafico ha puntualizzato la datazione dei diversi fondali, dei relitti e delle strutture rinvenute, poiché la posizione protetta di questo settore dell’insenatura ha preservato la stratigrafia sabbiosa dai disturbi del moto ondoso (fig. 5).

Fig. 5 - Piazza Municipio. Sezione stratigrafica dei fondali e del molo (est-ovest)

Fig. 5 - Piazza Municipio. Sezione stratigrafica dei fondali e del molo (est-ovest)

19La grande quantità di ceramiche rinvenute sui fondali databili tra la fine del iii-ii secolo a.C. (15646 frammenti ceramici) e la fine del i a.C.-inizi i d.C. (97121 frammenti ceramici) testimonia l’intensa frequentazione dell’approdo in tale periodo.

20Tra il iii ed il i secolo a.C. invece nell’area di piazza G. Bovio si forma un unico deposito (quota  -4,95/-6,06/-6,50 m slm) relativo ad un fondale poco profondo da cui proviene un cospicuo numero di reperti ceramici (10276 frammenti, tra cui circa 20 anfore quasi intere) (fig. 6). L’ampio arco cronologico dei materiali compreso tra il iii e la seconda metà del i secolo a.C. fa pensare ad un rimescolamento dovuto all’azione del mare, con un’azione di erosione che giustificherebbe anche la scarsa sedimentazione di questo periodo in cui il fondale si innalza di soli 0,40/0,50 m.

21A piazza Municipio gli indicatori ceramici segnalano un picco della frequentazione dall’età augustea sino alla metà del i secolo d.C. (102546 frammenti ceramici), una diminuzione delle quantità di reperti nella seconda metà del i secolo d.C. (43232 frammenti ceramici), e una ripresa nel ii secolo d.C. (61491frammenti ceramici) (fig. 6).

Fig. 6 - Grafico con i totali delle ceramiche rinvenute a piazza Municipio e a piazza Bovio, distinti per periodi.

Fig. 6 - Grafico con i totali delle ceramiche rinvenute a piazza Municipio e a piazza Bovio, distinti per periodi.

22Lo studio in corso delle ceramiche rinvenute potrà condurre, con adeguate analisi, ad una lettura delle dinamiche commerciali e funzionali dello scalo portuale.

23Nel i secolo d.C. la sequenza dei diversi strati di sabbia sovrapposti corrispondenti a progressivi fondali si sviluppa per un’altezza di circa 1,35/1,10 m (da q. -5,45/‑5,15 a q. ‑4,15/-3,80 m slm), a testimonianza, come evidenziato da C. Morhange, di una elevata velocità di sedimentazione,
riscontrata in ugual misura nei porti antichi di Marsiglia arcaica, Alessandria romana e Tiro (Marriner, Morhange, 2007).

24Alla fine del i secolo d.C. è costruito un molo perpendicolare alla linea di costa (larghezza 4,50 m; quote da - 3,60 a  - 4,10 m slm ), realizzato con una palificata contenuta da una gettata di pietre calcaree di medie e grandi dimensioni messe in opera a secco (fig. 5). A nord del molo (quota -3,90/-4,00 m slm) si rinvengono due imbarcazioni (relitti A e C), in posizione perpendicolare tra di loro, le quali, anche per l’assenza di carichi, sembra ipotizzabile siano state volontariamente affondate (fig. 7). Il relitto A rientra nelle specie di navi commerciali marittime (onerariae) di medio tonnellaggio che potevano essere utilizzate per un commercio di piccolo e medio cabotaggio; la barca C è stata identificata da G. Boetto come una horeia, grazie al confronto con la documentazione iconografica musiva, e con due esemplari scoperti nel porto di Tolone in Francia (Giampaola et alii, 2006). Essa era utilizzata per servitù portuale, per il carico e lo scarico delle merci oppure per attività di pesca.

Fig. 7 - Piazza Municipio. Veduta dall’alto dei tre relitti e dei pali lignei del molo.

Fig. 7 - Piazza Municipio. Veduta dall’alto dei tre relitti e dei pali lignei del molo.

Foto G. Avallone.

25Non si posseggono chiari indicatori del livello del mare in questa parte dell’insenatura, anche se le altezze dei pali del molo ed il tipo di imbarcazioni rinvenute confermerebbero un contesto di acque poco profonde, adatte al pescaggio di navi di piccolo carico.

26 Nel ii secolo d.C. sono costruiti due pontili o passerelle (quote da -3,55 m ad ovest a -3,80 m slm ad est) con andamento obliquo rispetto al molo più antico, i cui pali penetrano nelle barche ormai insabbiate, rompendone il fasciame.

27Tali strutture non sono più utilizzate tra la fine del ii e gli inizi del iii secolo d.C., quando una terza imbarcazione (relitto B), ancora con il suo carico di calce e scaglie di calcare affonda, forse per una mareggiata, a nord-ovest del molo, sovrapponendosi ad esso e ad uno dei pontili.

28Nel corso del iii secolo d.C. (quote da -3,25 a -3,55 m slm) il bacino continua ad essere frequentato, come indica la quantificazione dei reperti rinvenuti (10.300 frammenti ceramici), ma è documentata la presenza solo di alcuni pali di legno di piccole dimensioni (diametri tra 3 e 8 cm), forse utilizzati per l’attracco, limitata al settore nord-ovest.

29La zona dell’insenatura corrispondente all’attuale piazza Bovio sembra funzionare dal i secolo d.C. come area marginale dell’antico bacino: se le ceramiche recuperate dalle sabbie (1216 frammenti ceramici) indicano una scarsa frequentazione, sia rispetto alle maggiori concentrazioni del periodo precedente, sia rispetto ai contemporanei fondali di Municipio (fig. 6), le analisi geomorfologiche ricostruiscono per il solo settore settentrionale e per un breve lasso di tempo la formazione di una spiaggia emersa. Dalla fine del ii al iv secolo d.C. l’area torna ad essere interamente sommersa e le quantità dei reperti ceramici e il loro grado di conservazione non sembrano documentare attività di tipo portuale o di scalo.

30A Municipio una nuova più intensa funzionalità è documentata nel iv secolo d.C. e perdura sino agli inizi del v secolo d.C. In tale periodo emerge una concentrazione di piccoli pali nella parte nord dell’area di scavo (quote -3,00 a -3,55 m slm), relativi forse a passerelle in legno poco consistenti o, in alternativa, legati ad attività di pesca.

31Agli inizi del v secolo d.C. la formazione di una laguna (quota -2,50 m slm) in questa parte del bacino ne determina l’abbandono, cui segue un progressivo insabbiamento protratto per tutto il vi secolo d.C. (fino a quota ‑0,90/‑1,10 m slm) (fig. 5).

32A piazza G. Bovio i fondali datati alla seconda metà del iv secolo restituiscono, diversamente da quelli dei secoli precedenti, quantità più consistenti di materiali ceramici con basso grado di frammentarietà. Dagli inizi del v secolo d. C. (q. -1,50 m slm) si registra la formazione progressiva di una spiaggia emersa che prosegue nel corso del vi secolo (fino a quota 0,16 m slm) con l’avanzamento della linea di costa in corrispondenza del limite sud dell’area di scavo. La grande quantità di materiali rinvenuti di questo periodo, soprattutto anfore, le attestazioni di attività artigianali sulla spiaggia, la costruzione nel vii secolo d.C. di un edificio destinato a magazzino per le merci segnalano lo spostamento del porto e delle sue attività commerciali verso oriente (Giampaolaet alii, 2005).

33In conclusione, la ricostruzione geomorfologica della linea di costa attesta che il settore dell’insenatura indagato a piazza Municipio appare come il più idoneo all’approdo e che con tale funzione è stato utilizzato probabilmente sin dalla fase relativa all’insediamento di Parthenope e poidi Neapolis, anche se manca una adeguata documentazione degli indicatori ceramici di tale ambito cronologico, a causa delle asportazioni delle sabbie dei fondali conseguenti ai dragaggi. A tal proposito si deve inoltre osservare che il versante litoraneo a sud del rilievo di Castel Nuovo più vicino al promontorio di Parthenope si presenta come una costa tufacea maggiormente esposta, né migliore condizione offriva la zona ad ovest dello stesso, caratterizzata da una lunga e sottile spiaggia dalle origini sino ad età moderna. L’utilizzo portuale nel settore di insenatura esplorato a piazza Municipio è documentato in modo straordinario a cominciare dalla fine del iviii secolo a.C., attraverso il rinvenimento dei segni della capillare opera di dragaggio, dopo la quale tale settore, sia per la presenza di installazioni portuali, sia per la consistenza numerica dei materiali ceramici dei fondali, risulta aver mantenuto con continuità una funzione di scalo commerciale. Vicende diverse sembrano cogliersi per il settore orientale dell’insenatura indagato a piazza G. Bovio: esso non è interessato dall’attività di dragaggio ed appare frequentato con maggiore intensità solo nel periodo tra iii e i secolo a.C., momento in cui ha potuto fungere anch’esso come approdo, anche se secondario; diversamente, sia nella fase più antica di v e iv secolo a.C., sia in quella dal i al iv secolo d.C. gli indicatori archeologici disponibili segnalerebbero un’area marginale dell’insenatura.

Top of page

Bibliography

Amato L., Carsana V., Cinque A., Di Donato V., Giampaola D., Guastaferro C., Irollo G., Morhange C., Romano P., Ruello M. R., Russo Ermolli E., (2009), Evoluzione del paesagio costiero tra Parthenope e Neapolis, Méditerranée, 112, p.23-31.

Capasso B., (1895), Topografia della città di Napoli nell’xi secolo, Napoli (ristampa Sala Bolognese 1984).

D’Agostino B., Giampaola D., (2005), Osservazioni storiche e archeologiche sulla fondazione di Neapolis, in W. V. Harris, E. Lo Cascio (eds.), Noctes Campanae, Studi di storia antica e archeologia dell’Italia preromana e romana in memoria di Martin W. Frederiksen, Napoli, p. 63-72.

Giampaola D., Carsana V., (2005), Neapolis. Le nuove scoperte: la città, il porto e le macchine,in E. Lo Sardo (ed.), Eureka! il genio degli antichi, catalogo della mostra, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, 11 luglio 2005 - 9 gennaio 2006, Napoli, p. 116-122.

Giampaola  D., Carsana V., Febbraro  S., Roncella B., (2005), Napoli: trasformazioni edilizie e funzionali della fascia costiera, in G. Vitolo (ed.), Le città campane tra tarda antichità e alto medioevo, Napoli, p. 219-247.

Giampaola D. etalii, (2006),La scoperta del porto di Neapolis: dalla ricostruzione topografica allo scavo e al recupero dei relitti, Marittima Mediterranea, An International Journal on Underwater Archaeology, 2, 2005, Pisa, Roma, p. 48-91.

Marriner  N., Morhange C., (2007), Geoscience of ancient Mediterranean harbours, Earth-Science Reviews, 80, p. 137-194.

Pomey P., (1999), Les épaves romaines de la place Jules-Verne à Marseille : des bateaux dragues ?, in H. Tzalas (ed.), Tropis V, 5th International Symposium on Ship Construction in Antiquity (Nauplia 1993), Athens, p. 321-328.

Top of page

List of illustrations

Title Fig. 2 - B. Capasso, Topografia della città di Napoli nell’XI secolo (riproduzione da esemplare conservato presso la biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria).
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-1.png
File image/png, 570k
Title Fig. 1 - Ricostruzione della linea di costa fra Parthenope e Neapolis dal periodo ante IV sec. a.C. ad età tardo antica (v-vi sec. d.C.) con localizzazione delle aree di scavo delle stazioni.
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-2.jpg
File image/jpeg, 384k
Title Fig. 3 - Piazza Municipio. Tracce degli antichi dragaggi del fondale
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-3.png
File image/png, 392k
Title Fig. 4 - Piazza Municipio. Planimetria dei solchi di dragaggio.
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-4.jpg
File image/jpeg, 624k
Title Fig. 5 - Piazza Municipio. Sezione stratigrafica dei fondali e del molo (est-ovest)
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-5.jpg
File image/jpeg, 796k
Title Fig. 6 - Grafico con i totali delle ceramiche rinvenute a piazza Municipio e a piazza Bovio, distinti per periodi.
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-6.jpg
File image/jpeg, 280k
Title Fig. 7 - Piazza Municipio. Veduta dall’alto dei tre relitti e dei pali lignei del molo.
Caption Foto G. Avallone.
URL http://mediterranee.revues.org/docannexe/image/2943/img-7.jpg
File image/jpeg, 189k
Top of page

References

Electronic reference

Vittoria Carsana, Stefania Febbraro, Daniela Giampaola, Carmella Guastaferro, Giolanda Irollo and Maria Rosaria Ruello, « Evoluzione del paesaggio costiero tra Parthenope
e Neapolis », Méditerranée [Online], 112 | 2009, Online since 01 October 2011, connection on 28 April 2017. URL : http://mediterranee.revues.org/2943 ; DOI : 10.4000/mediterranee.2943

Top of page

About the authors

Vittoria Carsana

Collaboratore Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompeicarsana@iol.it

By this author

Stefania Febbraro

Collaboratore Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei

Daniela Giampaola

Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei

By this author

Carmella Guastaferro

TecnoS.p.A. Servizi di IngegneriaNapoli

By this author

Giolanda Irollo

Libero Professionista

By this author

Maria Rosaria Ruello

Dipartimento di Scienze della Terra
Università di Napoli Federico II
Napoli

By this author

Top of page

Copyright

Tous droits réservés

Top of page